Al Politecnico il simulatore di guida più innovativo al mondo

Cofinanziato da Regione Lombardia e progettato e ingegnerizzato da VI-grade, il DiM400 sarà uno strumento chiave per lo sviluppo della mobilità sostenibile

Il modello più innovativo di simulatore di guida ad oggi esistente sul mercato mondiale è stato installato ieri, 3 febbraio, al Politecnico di Milano, Campus Bovisa. Costato 5 milioni di euro, di cui 2 milioni finanziati da Regione Lombardia, rappresenta la punta di diamante di un progetto promosso da Cluster Lombardo della Mobilità, con l’obiettivo di creare un polo al servizio delle aziende automotive del cluster regionale lombardo, quarto a livello europeo.

Il DiM400 è uno strumento unico per lo sviluppo della mobilità sostenibile. Servirà per la progettazione di nuovi veicoli ecologici, per lo sviluppo di componenti con impiego innovativo di materiali, per le applicazioni relative alla dinamica del veicolo, l’ottimizzazione dei consumi, per verificare il funzionamento di sistemi di sicurezza attiva, per applicazioni di guida autonoma e motorsport sostenibile.

Altre applicazioni riguardano la possibilità di verificare l’interazione fra utenti della strada e infrastrutture e di sviluppare studi sulla sicurezza della guida. Sarà inoltre a disposizione degli studenti nei percorsi didattici per lo studio di dinamica del veicolo e interazione guidatore-veicolo-infrastruttura.

Fonte: MiaNews

“Le infrastrutture sperimentali e i laboratori d’avanguardia sono elementi essenziali per la ricerca internazionale e lo sviluppo con le imprese. Attraverso l’installazione del simulatore, il Politecnico di Milano si confronta con alcune delle maggiori realtà a livello internazionale, contribuendo a rendere l’area di Bovisa un ecosistema dell’innovazione in chiave europea. Questa è la dimensione alla quale punta l’Ateneo per affrontare le grandi sfide dei prossimi anni, prima fra tutte quella della mobilità”, ha commentato il rettore Ferruccio Resta

Nei laboratori del Politecnico di Milano fanno ricerca oltre 3000 docenti e ricercatori tra i migliori al mondo. Aiutaci a mantenere vivo il sistema della ricerca contribuendo a finanziare una borsa di dottorato con una donazione. Dona ora

ALTRI ARTICOLI DELLA SEZIONEDal Rettorato
IN PRIMO PIANO