Intelligenza Artificiale: primo posto per il Poli al Leonardo Drone Contest

Dopo la vittoria nella prima edizione, 2020, anche quest’anno il nostro team ha vinto la sfida tra 6 università

Il Politecnico di Milano, dopo la vittoria dello scorso anno, ha vinto anche la seconda edizione del “Leonardo Drone Contest. An Open Innovation Challenge”, competizione unica in Italia, lanciata da Leonardo per promuovere lo sviluppo dell’Intelligenza Artificiale applicata all’ambito dei sistemi senza pilota. Fa parte di un progetto sperimentale di tre anni che si chiuderà nel 2022 e mette sotto l’occhio di bue gli Unmanned Aerial Vehicle (Uav), aeromobili a pilotaggio remoto, per sviluppare nuove tecnologie e alimentare l’ecosistema composto da aziende, PMI e Università.

La competizione si è tenuta in diverse manche dal 28 al 30 settembre a Torino, all’interno della sede della divisione Velivoli di Leonardo, dove si sono sfidati i team di Politecnico di Milano, Politecnico di Torino, Alma Mater Studiorum – Università di Bologna, Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa, Università degli Studi di Roma Tor Vergata e Università degli Studi di Napoli Federico II.

Il team del Politecnico, vincitore della seconda edizione del Leonardo Drone Contest
(Credits: wired.it)

Ciascun team ha messo in campo un drone con il compito di raccogliere, tramite foto e video, informazioni per consentire la programmazione della missione di atterraggio. I droni, quindi, con le indicazioni ricevute, si sono mossi in autonomia tra edifici e zone a visibilità ridotta per portare a termine la loro missione. Il team del Politecnico, capitanato dal dottorando Gabriele Roggi, ha sviluppato i sistemi autonomi di navigazione, pianificazione di traiettoria, collision avoidance e atterraggio per il drone ROG-2, messo a punto in collaborazione con la spin off del Poli ANT-X.  

Le performance dei team in gara sono migliorate in modo impressionante e stiamo constatando come tutti gli obiettivi prefissati alla nascita del “Drone Contest” si stiano progressivamente concretizzando”, ha commentato Laurent Sissmann, Senior Vice President Unmanned Systems di Leonardo. “Grazie al percorso triennale della competizione intendiamo creare una fruttuosa collaborazione per alimentare la rete di aziende, PMI e Università, oltre a voler stimolare il talento imprenditoriale dei giovani partecipanti che porterà alla nascita di start up nel settore”.

Ne hanno parlato diverse testate, tra le quali segnaliamo Il Giorno e Wired.

Tra le più importanti competizioni universitarie, vi segnaliamo anche l’imminente finale dell’Indy Autonomous Challenge, di cui vi abbiamo parlato anche nel numero 9 di MAP, a pagina 28.

Con una donazione da 30.000 € aiuti a sostenere uno studente della Scuola di Dottorato per tutti i tre anni del suo percorso di ricerca. Le borse per gli studenti della Scuola di Dottorato vengono assegnate ogni anno nel mese di novembre in base a criteri di merito. Dona ora.

Credits header: www.quadricottero.com
Credits home: wired.it

ALTRI ARTICOLI DELLA SEZIONENel Mondo
IN PRIMO PIANO