Al Politecnico il simulatore di guida più innovativo al mondo

Il modello più innovativo di simulatore di guida ad oggi esistente sul mercato mondiale è stato installato ieri, 3 febbraio, al Politecnico di Milano, Campus Bovisa. Costato 5 milioni di euro, di cui 2 milioni finanziati da Regione Lombardia, rappresenta la punta di diamante di un progetto promosso da Cluster Lombardo della Mobilità, con l’obiettivo di creare un polo al servizio delle aziende automotive del cluster regionale lombardo, quarto a livello europeo.

Il DiM400 è uno strumento unico per lo sviluppo della mobilità sostenibile. Servirà per la progettazione di nuovi veicoli ecologici, per lo sviluppo di componenti con impiego innovativo di materiali, per le applicazioni relative alla dinamica del veicolo, l’ottimizzazione dei consumi, per verificare il funzionamento di sistemi di sicurezza attiva, per applicazioni di guida autonoma e motorsport sostenibile.

Altre applicazioni riguardano la possibilità di verificare l’interazione fra utenti della strada e infrastrutture e di sviluppare studi sulla sicurezza della guida. Sarà inoltre a disposizione degli studenti nei percorsi didattici per lo studio di dinamica del veicolo e interazione guidatore-veicolo-infrastruttura.

Fonte: MiaNews

“Le infrastrutture sperimentali e i laboratori d’avanguardia sono elementi essenziali per la ricerca internazionale e lo sviluppo con le imprese. Attraverso l’installazione del simulatore, il Politecnico di Milano si confronta con alcune delle maggiori realtà a livello internazionale, contribuendo a rendere l’area di Bovisa un ecosistema dell’innovazione in chiave europea. Questa è la dimensione alla quale punta l’Ateneo per affrontare le grandi sfide dei prossimi anni, prima fra tutte quella della mobilità”, ha commentato il rettore Ferruccio Resta

Nei laboratori del Politecnico di Milano fanno ricerca oltre 3000 docenti e ricercatori tra i migliori al mondo. Aiutaci a mantenere vivo il sistema della ricerca contribuendo a finanziare una borsa di dottorato con una donazione. Dona ora

Idrogeno verde per una società a emissioni zero

“Siamo molto contenti del percorso intrapreso dalla Commissione UE verso la decarbonizzazione della società europea. Questa trasformazione è, per noi, a portata di mano e richiede un’accelerazione degli investimenti nelle energie rinnovabili. L’idrogeno verde può davvero essere la risposta alla decarbonizzazione”. Così racconta Francesco Starace, Alumnus del Politecnico di Milano e AD di Enel, durante lo European Hydrogen Forum.

Il Forum è stato uno sei momenti più importanti della European Hydrogen Week dello scorso novembre, lanciata dalla Commissione europea e FCH JU per fare il punto sulle tecnologie dell’idrogeno e delle celle a combustibile, anche in occasione dell’adozione della European Hydrogen Strategy nel 2020. L’evento ha riunito i rappresentanti dell’industria, dei governi e della ricerca con l’obiettivo di discutere degli ultimi sviluppi nel settore dell’idrogeno verde.

Il Gruppo Enel prevede di accrescere la propria capacità di idrogeno verde a oltre 2 GW nel 2030. Lo sviluppo tecnologico per l’impiego di idrogeno verde, commenta Starace, è nella sua fase iniziale e “dobbiamo accelerarne il passo, oltre che studiarne l’evoluzione con attenzione, per evitare errori nell’allocazione del capitale e scommesse in soluzioni che devono essere testate prima di mettere in atto grandi investimenti”.

Fonte immagine testata: Matthew Henry