politecnico regione lombardia home

Regione Lombardia e Politecnico di Milano, accordo da 4 milioni

Ricerca e tecnologia a supporto della competitività delle imprese, questo il focus dell’accordo siglato da Politecnico e Regione Lombardia, che punta sullo sviluppo di ricerca, innovazione e trasferimento tecnologico nell’ambito del programma di interventi per la ripresa economica. L’accordo svilupperà tre macro-obiettivi con investimenti sulla ricerca di frontiera e sullo sviluppo di infrastrutture all’avanguardia. Vediamoli.

UNA RETE DI COMUNICAZIONE VELOCE E CRIPTATA A MILANO

Il progetto POLIQI – POLItecnico Quantum Infrastructure, a partire dalle fibre ottiche di telecomunicazioni standard già installate nel territorio, intende realizzare una rete di comunicazione quantistica ancora più veloce e in grado di trasmettere dati con livelli di sicurezza inviolabili, con possibili applicazioni in ambito finanziario, amministrativo, sanitario e di intelligence. La ricerca servirà anche a sperimentare nuove soluzioni di cifratura grazie a chiavi quantistiche intrinsecamente sicure.

L’accordo prevede inoltre un focus sulla “manifattura avanzata” su due fronti, life sciences e green deal.

fibra ottica
Photo by Denny Müller on Unsplash
BIOSTAMPA 3D PER LA MEDICINA

Il Politecnico si doterà di una delle prime installazioni su scala mondiale di un sistema di biostampa 3D multifotone per tessuti vascolarizzati, primo passo verso la stampa di tessuti organici per la ricerca in medicina e farmacologia. Negli ultimi anni l’Ateneo sta portando avanti diversi progetti a supporto delle Scienze della Vita (ne abbiamo parlato in diverse occasioni su MAP), impegno che si è tradotto anche nella creazione di un nuovo corso di Laurea Magistrale (Medtech, in collaborazione con Humanitas) volto a formare la nuova figura professionale del medico-ingegnere (info qui, a pag. 22).

scienze della vita politecnico regione lombardia
Credits: Regione Lombardia
NANOMATERIALI E IDROGENO PER LA TRANSIZIONE ENERGETICA

La collaborazione punta inoltre a potenziare le infrastrutture di ricerca per lo sviluppo di materiali innovativi e sostenibili al servizio del comparto manifatturiero anche in ottica di soluzioni innovative per l’energy storage e la transizione energetica: al centro degli studi ci saranno la prototipazione e il testing di innovativi dispositivi elettrochimici per la conversione e l’accumulo di energia, in particolare batterie e celle a combustibile ad idrogeno. Per la progettazione dei nanomateriali che saranno utilizzati, il Politecnico si doterà di uno dei laboratori ai raggi X tra i più attrezzati di Europa.

polimi facciata
UN LINK TRA RICERCA E MONDO PRODUTTIVO

L’intesa prevede uno stanziamento complessivo 4.163.400 euro, di cui 1.687.500 euro saranno finanziati da Regione Lombardia, il resto dal Politecnico di Milano. “Vogliamo sostenere i nostri atenei e promuovere le loro esigenze al fine di garantire una sempre maggiore competitività del territorio, anche attraverso la sperimentazione di nuove tecnologie”, commenta l’assessore all’Istruzione, Ricerca, Università, Innovazione e Semplificazione Fabrizio Sala. “Questi investimenti – ha aggiunto Sala – sono infatti mirati allo sviluppo di soluzioni che abbiano una ricaduta concreta e che leghino sempre di più il mondo universitario con quello produttivo”.

Secondo il rettore del Politecnico di Milano Ferruccio Resta, “La ricerca avanzata come motore dello sviluppo del territorio lombardo: grazie all’accordo con Regione Lombardia, frutto di un’interazione costante tra istituzioni, dotiamo Milano e il suo indotto di infrastrutture competitive. Un vantaggio non solo per l’università, grande laboratorio di idee e di sperimentazione, ma per il tessuto socio-economico”.