Politecnico-Milano-bluscuro

5 per mille: scopri la ricerca a alto impatto sociale

Le donazioni provenienti dal 5 per mille al Politecnico di Milano vengono destinate a progetti di ricerca a alto impatto sociale: ambiente, energia, comunità, rigenerazione urbana, popolazione fragile e paesi in via di sviluppo sono solo alcuni dei temi toccati in questi anni dai nostri ricercatori.

Quest’anno, i progetti beneficiari di questo contributo hanno un focus importante sui temi legati alla tutela della salute. Nel 2020 il Politecnico ha potuto mettere a disposizione circa 500 mila euro provenienti dalle vostre donazioni 5 per mille, finanziando complessivamente 5 nuovi progetti in partenza nelle prossime settimane. Ne parleremo anche su MAP numero 9, in uscita ad aprile. Iniziamo a vederli insieme!

BAMBI|Balloon Against Maternal BleedIng

L’obiettivo è progettare un kit che contrasti l’emorragia post-parto (PPH), rendendo il dispositivo più economico e pratico di quelli attualmente utilizzati.

L’obiettivo è arrivare ad un brevetto sociale e ad un costo di 5 dollari, che renderà il dispositivo abbordabile anche per i paesi a basso reddito. Oltre ad essere economico, BAMBI dovrà essere veloce e facile da utilizzare perché, nei casi più gravi di emorragia, la donna può arrivare a perdere mezzo litro di sangue al minuto.

BAMBI potrebbe rappresentare una soluzione salvavita in tutti quei paesi e contesti in cui è difficile accedere a cure tempestive.

Il progetto coinvolge i dipartimenti di Chimica, Meccanica e Design.

polisocial bambi
Credits Polisocial
Coltivare_Salute.Com | Città e Case della Salute per Comunità resilienti

Il progetto mira a potenziare il ruolo delle Case della Salute della Comunità (CdS), che sono strutture sul territorio italiano, a metà strada tra l’ospedale e il medico curante, pensate per i pazienti meno gravi.

Il potenziale di questi presidi sanitari è molto alto e potrebbe avere un ruolo strategico nella medicina del territorio, per supportare ospedali e ambulatori nella gestione di pazienti che non sono in emergenza; tuttavia, al momento le Case della Salute sono poco sfruttate.

Alcuni ricercatori del Politecnico hanno aperto un tavolo di co-progettazione locale nella città di Piacenza, dove prevedono di costruire una nuova Casa della Salute e sperimentare nuove soluzioni elaborate.

Il progetto coinvolge i dipartimenti di Architettura e Studi Urbani, Architettura, Ingegneria delle Costruzioni e Ambiente Costruito, Ingegneria Gestionale e Design.

polisocial coltivare salute
Credits Polisocial
HANDS | Health AND urban Space in Chamanculo, Mozambique

La ricerca promuove innovazioni rivolte a mitigare la vulnerabilità igienico sanitaria strutturale degli abitanti del quartiere di Chamanculo a Maputo.

Per fare questo, HANDS si propone di attivare un “Laboratorio Sociale” dedicato alla produzione di Polichina, il liquido igienizzante Made in CMIC (abbiamo parlato della Polichina qui) che permetterà, oltre ad igienizzare, di ridurre lo spreco di acqua potabile, con un risparmio di oltre il 95%.

Il secondo obiettivo è di trasferire competenze tecnologiche a stakeholder locali nel campo della gestione dei rifiuti e della produzione energetica su scala urbana e domestica.   

Il progetto coinvolge i dipartimenti di Architettura, Ingegneria delle Costruzioni e Ambiente Costruito, Ingegneria Civile e Ambientale, Energia e ChimicaCMIC

polisocial hands
Credits Polisocial
MakingMEV | Prototipazione di un ventilatore multiplo per emergenze pandemiche

MEV – Multiple Emergency Ventilator è un ventilatore emergenziale che può supportare la respirazione di 10 pazienti contemporaneamente, con una pressione inspiratoria massima intrinsecamente sicura (Ppeak) e che previene il danno da ventilatore meccanico.

Il progetto di ricerca si pone come obiettivo quello di creare il primo prototipo, validarne la funzionalità in laboratorio e analizzarne la potenzialità di trasferimento alla clinica.

Il progetto coinvolge i dipartimenti di Elettronica, Informazione e Bioingegneria, Meccanica, Ingegneria Gestionale e ha come partner il reparto di Anestesia e Rianimazione dell’Ospedale Maggiore Policlinico. Abbiamo parlato del respiratore MEV sul numero 8 di MAP, dedicato alle ricerche politecniche per fronteggiare l’emergenza Coronavirus.

polisocial makingmav
Credits Polisocial
SAFER | Nuove tecnologie per la sicurezza e l’efficacia del supporto respiratorio durante le emergenze e in contesti con poche risorse

Anche SAFER tratta di respiratori, in questo caso l’obiettivo è creare un dispositivo respiratorio personale (per un solo paziente) da utilizzare fuori dalla terapia intensiva che sia semplice, robusto e poco costoso.

Per realizzarlo saranno utilizzati materiali innovativi, nuove tecnologie e ricambi stampati in 3D, che faciliteranno la fornitura in tempi di emergenze e in caso di risorse limitate, come nei paesi a basso e medio reddito. La previsione è quella di creare un prototipo, testare le prestazioni, l’usabilità e la scalabilità del progetto.

Il progetto coinvolge i dipartimenti di Elettronica, Informazione e Bioingegneria, Meccanica e Chimica.

polisocial safer
Credits Polisocial
POLISOCIAL AWARD: UNO STRUMENTO UNICO IN ITALIA PER LA RICERCA A ALTO IMPATTO SOCIALE

I progetti di ricerca finanziati vengono selezionati ogni anno attraverso un concorso di proposte, il Polisocial Award. Primo in Italia tra le iniziative accademiche di questo tipo, ha l’obiettivo di sostenere e avviare progetti di ricerca e un approccio etico al lavoro accademico che valorizzino l’impatto sociale delle competenze politecniche, in un’ottica di sostenibilità nel tempo e con l’obiettivo di dare spazio ai giovani ricercatori.

DONA IL TUO 5 PER MILLE AL POLITECNICO
dona al 5 per mille

Con il tuo 5 per mille al Politecnico di Milano sostieni la ricerca

Non solo tecnologia, o meglio: tecnologia e innovazione al servizio di inclusione sociale, rigenerazione urbana, salute, servizi per la comunità. Sono solo alcuni dei tanti temi che la ricerca al Politecnico di Milano affronta ogni giorno. È la ricerca ad alto impatto sociale, finanziata anche grazie alle vostre donazioni e, in particolare, al 5 per mille.

Ogni anno, infatti, il Politecnico devolve i fondi raccolti con il 5 per mille ai migliori progetti selezionati attraverso un concorso di proposte, il Polisocial Award. Primo in Italia tra le iniziative accademiche di questo tipo, ha l’obiettivo di sostenere e avviare progetti di ricerca a alto impatto sociale, supportando i team di lavoro dalla fase di avvio progetto fino alla conclusione e anche oltre, anche in un’ottica di sostenibilità nel tempo e focalizzandosi su tematiche di importanza sociale per territori o fasce di popolazione in difficoltà.

SOSTENERE OGGI I RICERCATORI DI DOMANI

Dal 2013 (quando è partito il programma) al 2020, decine di migliaia di donatori, soprattutto Alumni, hanno scelto di devolvere al Politecnico di Milano il loro 5 per mille, contribuendo a raccogliere oltre 3 milioni e mezzo di euro.

Queste donazioni immettono nuove energie nella ricerca. Il Politecnico ha scelto di investire questi fondi per dare spazio ai giovani ricercatori: nei 7 anni del programma Polisocial sono stati coinvolti quasi 160 i giovani ricercatori, tra assegnisti e dottorandi, che hanno potuto così presentare e portare avanti i propri progetti di ricerca. Ad affiancarli, oltre 200 docenti e ricercatori provenienti da tutti i dipartimenti del Poli.

L’edizione 2020 ha messo in palio circa 500 mila euro, assegnati complessivamente a 5 nuovi progetti in partenza proprio in questi mesi. Puoi scoprirli tutti a questo link: https://www.dona.polimi.it/il-5-x-mille/   

COME FARE

Destinare il 5 per mille al Politecnico di Milano è semplice, basta apporre la tua firma nel riquadro “Finanziamento della ricerca scientifica e dell’Università” che figura sui modelli di dichiarazione dei redditi e specificare il codice fiscale del Politecnico di Milano CODICE FISCALE 800 579 301 50

L’impegno del Politecnico per la digitalizzazione delle scuole milanesi

In collaborazione con Comune di Milano e Moncler, l’Ateneo fornirà supporto tecnico e corsi di formazione alle scuole primarie e secondarie di 1° grado per favorire integrazione delle nuove tecnologie nelle strategie didattiche

Nel quadro del progetto di collaborazione con Comune di Milano e Moncler, grazie al quale le scuole primarie e secondarie di 1° grado milanesi riceveranno una fornitura di 3.600 tra tablet, pc e connessioni, il Politecnico si occuperà di offrire supporto agli istituti scolastici e al personale docente, con l’obiettivo di favorire una progettazione didattica di qualità, che faccia leva su un utilizzo adeguato e intelligente della tecnologia.

Moncler ha donato alle scuole elementari e medie di Milano una fornitura di circa 3.600 tra tablet, pc e connessioni sulla base delle necessità segnalate oltre a supporto tecnologico e corsi di formazione per il corpo docente. Il servizio di supporto ed helpdesk, dedicato ai ragazzi, sarà gestito dal Politecnico di Milano attraverso i suoi studenti. Moncler offrirà inoltre, attraverso i professori dell’Ateneo, un percorso di formazione volto a supportare i docenti nella definizione di un modello formativo innovativo e integrato con le nuove tecnologie. Il progetto ha un valore complessivo di circa 2,1 milioni di euro.

In particolare, il Politecnico offrirà supporto agli istituti scolastici: 130 studenti universitari verranno selezionati per accompagnare ragazzi e docenti lungo tutto il 2021, fornendo supporto di natura tecnica all’utilizzo delle tecnologie per la didattica (device e software); inoltre i nostri docenti forniranno un percorso rivolto a 75 docenti delle scuole coinvolte affinché questi ultimi diventino agenti del cambiamento nelle proprie scuole di appartenenza. Obiettivo ultimo del corso è che i docenti possano promuovere tra i colleghi metodologie che prevedano l’integrazione delle nuove tecnologie nelle strategie didattiche “tradizionali”.

Contribuisci anche tu a sostenere i progetti a alto impatto sociale del Politecnico di Milano. Dona il tuo 5 per mille al Politecnico di Milano.

Cover Photo by Tran Mau Tri Tam on Unsplash