Home inspiring fifty

5 Alumnae politecniche tra le “inspiring 50” italiane

Imprenditrici, manager, docenti, ricercatrici, consulenti, ed esponenti delle istituzioni: sono le “magnifiche 50”, le Inspiring Fifty italiane che si sono distinte nel mondo dell’innovazione nel 2021. Cinquanta donne in campo STEM, acronimo di Science, Technology, Engineering and Mathematics, che raccoglie campi di ricerca e industriali dal digitale, all’intelligenza artificiale, alla robotica, alle life sciences e via dicendo.

inspiring fifty
Credits: www.italy.inspiringfifty.org

UN MODELLO EUROPEO NEL MONDO

Inspiring Fifty è un’iniziativa nata nei Paesi Bassi per mettere in luce donne ai vertici dei loro campi nel mondo tecnologico. Appuntamento fisso in Europa dal 2015, si è diffuso in tutto il mondo e quest’anno in Italia si è svolta la seconda edizione, che ha ricevuto oltre 200 candidature di altissimo profilo. L’edizione italiana si svolge in collaborazione con Eni, Dazn e Klecha & Co. Media partner il Corriere della Sera, che dedica al tema un approfondimento e sottolinea il motto dell’iniziativa, “If she can see it, she can be it». Ovvero: se può vederla, può anche diventare come lei, un messaggio alle ragazze alla ricerca di nuovi role models a cui inspirarsi.

Le 50 professioniste selezionate si occupano di informatica, digital media, e-commerce, fisica, aerospazio, intelligenza artificiale, chimica, farmaceutica, finanza e via dicendo. Sono state selezionate da una giuria composta da personalità di spicco del mondo imprenditoriale, del business e dell’accademia.

Nella lista 2021, anche 5 politecniche esperte di tecnologia a livello internazionale. Vediamole.

LE INNOVATRICI POLITECNICHE

Cristina Canavesi, Alumna in ingegneria delle telecomunicazioni, è Co-founder & President at LighTop Tech Corp. Ritroviamo anche Elena Bottinelli, Alumna ingegneria elettronica, oggi Head of Innovation, Digitalization and Sustainability del Gruppo San Donato.

Guendalina Cobianchi, SVP Business Development & Partnerships in V-Nova e Alumna in ingegneria gestionale, commenta la sua nomination con un messaggio alle ragazze: «Per me “successo” significa aver seguito l’intuito e il desiderio di avventurarsi in qualcosa che non era mai stato fatto prima, cimentandomi in un percorso di innovazione radicale».

Guendalina Cobianchi inspiring fifty
Guendalina Cobianchi

Ancora di innovazione si occupa Monica Dalla Riva, VP Design & CX at Deutsche Telekom, Alumna in disegno industriale, ribattezzata “la regina delle Tlc” da Corriere Comunicazioni. E infine (in ordine alfabetico per nome proprio, come le ha indicate la lista ufficiale), troviamo Patrizia Casali, Alumna in ingegneria biomedica.

Tra Inspiring Fifty della prima edizione italiana, invece, ritroviamo le Alumnae Lucia Chierchia e Grazia Vittadini, che si sono raccontate nel libro ALUMNAE – Ingegnere e Tecnologie, insieme alla prof.ssa Amalia Ercoli Finzi, alla prorettrice del Politecnico di Milano Donatella Sciuto, alla professoressa Isabella Nova, alle Alumnae Valeria Ferrari e Daria Loi e alla studentessa di ingegneria informatica Valeria Cagnina.

Sostenendo il progetto GIRLS @ POLIMI puoi contribuire insieme ad altri donatori a creare delle borse di studio per sostenere le ragazze che si iscrivono ai corsi di laurea in ingegneria a bassa frequentazione femminile. Dona ora.

Credits header e home: www.italy.inspiringfifty.org

bottinelli mela d'oro home

L’Alumna Elena Bottinelli vince il Premio Bellisario per la categoria Management

La Commissione esaminatrice del Premio Marisa Bellisario ha scelto, tra le vincitrici di questa 33° edizione, l’Alumna Elena Bottinelli, premiata per la categoria Management.

Bottinelli, amministratore delegato dell’IRCCS Ospedale San Raffaele e dell’IRCCS Galeazzi di Milano, si laurea in Ingegneria Elettronica con specializzazione in Bioingegneria al Politecnico di Milano nel 1991. Prima di arrivare al Gruppo San Donato, ha lavorato dieci anni in multinazionali leader nel settore dei dispositivi medici e ortopedici.

elena bottinelli

È tra le socie fondatrici di Leads – Donne Leader in Sanità – che ha l’obiettivo di promuovere la leadership al femminile nel settore sanitario e di favorire il superamento delle disuguaglianze di genere, puntando alla parità nelle posizioni apicali di organizzazioni pubbliche e private.  Nel 2019 la celebre rivista di economia “Forbes” inserisce Elena Bottinelli nella classifica delle 100 donne italiane di maggior successo.

Nel 2017 partecipa alla 6° edizione della Convention Alumni Politecnico di Milano (il video a questo link), sottolineando l’importanza del sistema sanitario (che proprio quest’ultimo anno è stato determinante nel fronteggiare la crisi inaspettata che ci siamo trovati ad affrontare). “Il primo obiettivo delle città è quello di far star bene i cittadini”, commenta, parlando di un futuro in cui la tecnologia, dai wearables al machine learning, giocherà un ruolo sempre più importante nella prevenzione e nel controllo della salute, facilitando la medicina personalizzata a distanza e un sistema di ambulatori distribuiti sul territorio. “Il futuro è a portata di mano. Non dobbiamo temere la tecnologia, ma conoscerla e utilizzarla in modo etico: ci insegnerà a fare scelte più consapevoli”.

elena bottinelli

Il Premio Bellisario è un riconoscimento istituito in memoria di Marisa Bellisario, pioniera della tecnologia in Italia. Dal 1989, ogni anno viene assegnato alle donne che si distinguono nella professione, nel management, nella scienza, nell’economia, nel sociale, nella cultura e nell’informazione, nello spettacolo e nello sport, sia a livello nazionale che internazionale.

“Questa 33esima Edizione – dichiara Lella Golfo, Presidente della Fondazione Marisa Bellisario – arriva dopo un periodo lungo e faticoso. Questi mesi sono stati complicati per tutti, soprattutto per le donne. Ora siamo a un punto di svolta. Le giuste battaglie, quelle per l’occupazione femminile e per la parità di genere, sono state finalmente rimesse al centro delle agende politiche”.

La premiazione si terrà il 1° luglio durante l’evento televisivo “Donne che fanno la differenza”, condotto da Laura Chimenti, e andrà in onda il 17 luglio in seconda serata su Rai1.