compasso d'oro 2022

Compasso d’Oro 2022: gli Alumni vincitori

Sviluppo – sostenibile – responsabile: sono i tre concetti chiave che l’ADI Design Index indica come fondamentali per il design contemporaneo e che hanno guidato la selezione dei vincitori della XXVII edizione del Compasso d’Oro, annunciati il 20 giugno 2022. 

Tra questi, anche Alumni e Alumnae che si sono distinti per i loro progetti e carriere, e che hanno portato alto il nome del Design made in Italy nel nostro Paese e nel mondo. 

“Le profonde trasformazioni che il design è chiamato a interpretare, dalla crisi ambientale alle diseguaglianze economiche e sociali, spingono la cultura del progetto a impegnarsi su una molteplicità di direzioni, dall’uso consapevole delle risorse a disposizione del pianeta alla realizzazione di oggetti capaci di includere e valorizzare le diverse componenti della società civile.”, 

commenta la giuria del premio.

Vediamo insieme chi sono i politecnici vincitori di quest’anno. 

Antonio Citterio – Compasso d’oro alla carriera 

Citterio, Alumnus Architettura e fondatore dello studio Citterio-Viel, riceve il premio per “Un percorso esemplare per coerenza e qualità, un percorso che ha contribuito ad evolvere l’offerta professionale italiana verso un modello metodologico sempre più evoluto. Antonio Citterio ha materializzato durante la propria carriera vere e proprie icone dello stile di vita italiano nel mondo”.  

Credits: vitra.com

Giulio Cappellini – Compasso d’Oro alla carriera 

Secondo le motivazioni della giuria “Il percorso di Giulio Cappellini – Alumnus Architettura – è una continua lettura e rilettura dei fenomeni del design; capace di proiettare le sue azioni nella contemporaneità attraverso la propria personale poetica, quanto attraverso il rapporto con i tanti giovani talenti da lui sostenuti”.  

Un premio che vuole omaggiare la profonda curiosità, lungimiranza e audacia dell’Alumnus, noto a livello internazionale come uno dei più grandi trend setter e talent scout del settore. 

Credits: https://slidedesign.it/

Cini Boeri – Compasso d’Oro alla Carriera del Prodotto 

La poltrona Ghost progettata da Cini Boeri insieme a Tomu Katayanagi, un oggetto di design presente sul mercato con una carriera ultradecennale, riceve il premio Compasso d’Oro alla Carriera del Prodotto.

Ghost è, secondo la giuria, una “perfetta di sperimentazione tecnologica e ricerca formale, che rappresenta il desiderio di dematerializzare la percezione della funzione a favore del fruitore, che diventa così protagonista assoluto dello spazio”. 

Credits: fiamitalia.it

Bilancia per la donazione del Sangue “Milano” | Cefriel 

La nuova bilancia per la donazione del sangue “Milano” è un dispositivo nato dalla collaborazione tra Delcon, azienda italiana specializzata nella progettazione e produzione di dispositivi medicali e software per la filiera del sangue, Cefriel, centro d’eccellenza per l’innovazione digitale nato al Politecnico di Milano, e il New York Blood Center.  

“La bilancia premiata con il compasso d’oro è la conferma che fare innovazione di prodotto di valore è oggi possibile affiancando design e tecnologia digitale” – afferma Alfonso Fuggetta, CEO Cefriel, Alumnus e professore del Politecnico di Milano -. Nella progettazione di Milano abbiamo seguito un approccio design thinking e agile, che si è avviato con l’analisi delle esigenze degli utilizzatori per arrivare alla soluzione attuale. Seguendo i principi del design thinking sono state identificate le vere esigenze e bisogni del cliente finale”. 

Credits: Gianluca Ripa on Twitter

Cefriel è un centro di innovazione digitale che crea prodotti, servizi e processi digitali, partecipa a programmi di ricerca nazionali e internazionali, e sviluppa le competenze e la cultura digitali. È un team multidisciplinare di oltre 130 persone con un mix di competenze tecniche, di business e di design. Fondato nel 1988 dal Politecnico di Milano, oggi include tra i soci anche l’Università degli Studi di Milano, l’Università degli Studi di Milano-Bicocca, l’Università degli Studi dell’Insubria, la Regione Lombardia e aziende multinazionali. 

Secondo la motivazione della giuria dell’ADI Design Index: 

Design e tecnologia ridefiniscono la gestione e il controllo delle donazioni di sangue: un incentivo ad aumentare la platea di chi dona.  

Goliath CNC | Springa 

Goliath CNC, la macchina utensile a controllo numerico per lavorazioni di taglio e incisione, dovunque e senza limiti, nasce dalla startup italiana e spinoff del Politecnico di Milano Springa, fondata nel 2016 dall’idea dei tre Alumni Davide Cevoli, Lorenzo Frangi e Alessandro Trifoni.

L’innovazione di Goliath consiste nella portabilità, che permette di posizionare la macchina utensile direttamente sul pezzo da lavorare, sul quale questa esegue la lavorazione spostandosi in maniera autonoma. 

Credits: Goliath

RH120 | Ricehouse 

Ricehouse è una realtà focalizzata nella trasformazione degli scarti della produzione risicola in materiali per l’edilizia e le costruzioni. L’azienda, co-fondata dall’Alumna Tiziana Monterisi, utilizza tutti i materiali naturali che solitamente finiscono negli scarti per la creazione delle infrastrutture edilizie. A vincere il Compasso d’Oro è RH120, una miscela naturale da intonaco in calce e lolla di riso, appositamente studiata per essere levigata e trattata al fine di mettere in risalto l’effetto estetico del prodotto. 

“È un materiale, specchio dei nostri tempi, una finitura di pregio che ridà bellezza in perfetto equilibrio tra natura e tecnologia. RH120 è una finitura per interni bella, elegante, tecnologica e sostenibile.” commenta l’Alumna. 

Credits: www.innovazionesociale.org

LAMBROgio, LAMBROgino | Makio Hasuike & Co 

Gli Alumni Naomi Hasuike, Luca Catrame e Andrea Sechi fanno parte del team di Makio Hasuike & Co che ha creato LAMBROgio, LAMBROgino, “una brillante ridefinizione dei tradizionali veicoli leggeri per una nuova mobilità elettrica urbana destinata al trasporto di persone e alla consegna delle merci”.  

Pensato per accogliere ospiti e spostare merci in modo versatile e sostenibile grazie a un sistema a pedalata assistita e una struttura robusta e funzionale dalle linee inconfondibili, LAMBRO può spostarsi agilmente sia in spazi urbani sia in contesti privati come resort e campeggi di pregio, marine, quartieri fieristici e non solo. 

E-Worker | Merlo 

Nel team di lavoro che ha progettato E-Worker c’è l’Alumnus Felice Contessini. E-Worker è la rivisitazione 100% elettrica del classico muletto destinato ad ambienti agricoli e industriali, che consente un’area di lavoro superiore a quella consueta. 

Credits: Merlo Group

Designing in dark times | Virginia Tassinari (Editor) – Politecnico di Milano, Eduardo Staszowski (Editor), Clive Dilnot (Editor), Andrew LeClair (Graphic Design Director), Laura Wing (Managing Editor), Lesley Onstott, Lucas Teixeira Vaqueiro (Social Media Designers)

Eduardo Staszowski è tra gli editor di Designing in Dark Times, “un libro e una nuova collana per avviare una riflessione sulle ragioni e le responsabilità del design oggi”.

Credits: ADI

Leggi anche: 10 famosi oggetti politecnici da Compasso d’Oro

compasso d'oro home

10 famosi oggetti politecnici da Compasso d’Oro

Nato nel 1954 dall’intuizione dell’Alumnus Gio Ponti e gestito dall’Associazione Design Italiano (ADI), il Compasso d’Oro negli anni è diventato il massimo riconoscimento italiano nel campo del design nazionale e internazionale.

Sono circa 2300 gli oggetti e i progetti della collezione. Nel corso degli anni la mappatura si è evoluta e oggi copre anche campi non strettamente attinenti al mondo industriale. In occasione dell’Italian Design Day, vi presentiamo una lista di alcuni “made in Polimi”– sicuramente non esaustiva (ma se avete suggerimenti, scriveteceli!) –, grazie al supporto di articoli di Domus, Corriere Living, AD Italia e il podcast “Il design è donna”. Ne abbiamo scelti 10: 8 grandi classici e 2 “new entry” che cercano di rivelarci cosa ci aspetta nel futuro.

I CLASSICI DELLA STORIA DEL DESIGN

1. SEDIA 832 LUISA – 1955 – Successori Carlo Poggi – Alumnus Franco Albini

L’idea di Albini era quella di creare un modello ideale di seduta, identificandone gli elementi essenziali e i possibili utilizzi all’interno della casa. La sedia Luisa fu il risultato di una lunga ricerca dettata dalla necessità di arrivare alla “sostanza della forma” e alla possibilità della produzione in serie, come risposta al boom economico tra gli anni ‘50 e ‘60.

Nella motivazione della giuria del Compasso d’Oro, si legge:

“La Giuria, di fronte alla ragguardevole produzione presentata quest’anno nel campo delle sedie e delle poltrone ha riconosciuto al termine della discussione, l’interesse ed il livello della problematica suscitata dalla sedia disegnata dall’arch. Albini, sia per la soluzione elementare del raccordo gambe – bracciolo – schienale, che per, l’organicità formale degli innesti del materiale, che per gli incastri visibili, che per i problemi produttivi collegati alla intera concezione della struttura.”

2. TELEVISORE DONEY 14 – Brion Vega – 1962 – Alumnus Marco Zanuso e Richard Sapper

II televisore Doney vinse il prestigioso Compasso d’Oro nel 1962 e diventò presto il simbolo di uno stile di prodotti tecnologici attento al design.

TELEVISORE DONEY 14
Credits: ADI Design Museum

Dal sito dell’ADI Design Museum si legge che “Doney 14 è il primo televisore portatile a transistor fabbricato in Europa, dove la disposizione degli organi interni permette la loro inclusione in un volume compatto a tubo, ottenuto con il semplice accostamento di due valve su un bordo visibile. Per questo, la prima serie, ora ricercatissima, viene realizzata in acrilico trasparente, mentre le successive lasceranno posto a una più ampia gamma cromatica. Richard Sapper e Marco Zanuso vincono così il Compasso d’Oro nel 1962, proprio grazie alla forma ricurva inimitabile e al puzzle di componenti interni, tutti contenuti in un’unica scatola. Un’icona del design italiano prodotta da un altrettanto iconico brand, Brion Vega”.

3. SEGNALETICA E ALLESTIMENTO DELLA METROPOLITANA DI MILANO – 1964 – Alumna Franca Helg, Alumnus Franco Albini e Bob Noorda

Il Compasso d’Oro premia non solo gli oggetti, ma anche i progetti. Se durante gli anni al Politecnico vi siete mossi con i mezzi, allora sicuramente la segnaletica della metropolitana vi sarà familiare: ma lo sapevate che ha ricevuto il Compasso d’Oro?

segnaletica metropolitana milano
Credits: ADI Design Museum

 “Il Compasso d’oro 1964 viene attribuito agli architetti Franco Albini e Franca Helg ed al grafico Bob Noorda per le particolari qualità del coordinamento architettonico e dell’organizzazione della segnaletica delle nuove stazioni della Metropolitana Milanese”

si legge sulla motivazione della giuria del premio.

Si tratta del conferimento di un’identità precisa che si traduce in una serie di elementi grafici e di allestimento volti sia a dare un’immagine coordinata della metropolitana milanese, sia a rispondere in modo immediato e intuitivo alle veloci richieste d’informazione da parte degli utilizzatori della stessa, siano essi abituali od occasionali.

4. TELEFONO GRILLO – 1964 – Siemens – Alumnus Marco Zanuso

Il telefono Grillo è uno tra gli apparecchi che maggiormente hanno rappresentato un’innovazione nel campo della telefonia. Simbolicamente antenato del telefono portatile, ha introdotto per la prima volta il concetto di telefonata come momento privato e intimo. Il bilanciamento di tecnica, funzionalità ed estetica decretarono la sua vittoria al Premio Compasso d’Oro nel 1967.

“Progettato da Richard Sapper e Marco Zanuso, Grillo era molto più piccolo, leggero e maneggevole di qualunque altro apparecchio dell’epocacommenta il sito dell’ADI -. Di più: la chiusura a scatto anticipa di trent’anni buoni i primi cellulari analoghi ed è disponibile in diverse colorazioni. La SIP (‘madre’ di Telecom) lo adottò fra gli apparecchi distribuiti ai suoi abbonati, decretandone il successo di pubblico. Il Compasso d’Oro premiò la novità e l’agibilità dell’apparecchio, nonché le innovazioni tecniche e progettuali derivanti dalla riduzione dello spazio, ottenuta senza sacrificarne la funzionalità.”

Nel 1993, divenuto oggetto cult e tra i simboli del design moderno, Grillo è stato esposto al MoMa di New York.

5. LAMPADA DA TAVOLO ECLISSE – 1967 – Artemide – Alumnus Vico Magistretti

Ideata dall’Alumnus Vico Magistretti per Artemide nel 1965, la lampada Eclisse è “un equilibrio all’avanguardia tra forma e funzione, design e utilità”. La base del concetto sta nella sua funzionalità di regolazione dell’intensità della luce attraverso il suo paralume interno rotante che “eclissa” la sorgente luminosa. Infatti, con un involucro esterno fisso e un involucro interno mobile, la lampada può fornire luce diretta o diffusa.

“La Commissione stima che l’oggetto presentato abbia la doppia qualità di un alto valore progettistico-estetico e di una possibile diffusione di massa. Sottolinea inoltre la novità della soluzione tecnica che, con un semplice movimento a schermo rotante, gradua l’intensità dell’erogazione luminosa.”

6. DIVANO STRIPS – 1979 – Arflex – Alumna Cini Boeri

Alla fine degli anni 60, l’Alumna Cini Boeri (abbiamo parlato di lei qui) rivoluziona il settore del mobile con un suo pezzo che è rimasto un “evergreen” per la sua versatilità: il divano componibile Strips.

“Esso è usato come un vero guscio da sfilare, lavare, mutare, rinfilare e si chiude con una cerniera lampo come un vestito sopra il corpo di poliuretano,scriveva Cini Boeri nel 1974. “Il letto, pure sgusciabile e quindi lavabile, offre un uso più svelto del solito, perché la parte superiore apribile come un sacco a pelo, funge da coperta e lenzuolo. Si apre, ci si entra e si richiude, si apre e se ne esce. Gli Strips sono cose necessarie, facili da usare.”

Oggi il divano Strips è nelle collezioni permanenti di musei autorevoli come la Triennale di Milano e il MoMA di New York.

7. LAMPADA PARENTESI – 1979 – Flos – Alumnus Achille Castiglioni e Pio Manzù

Il progetto è basato su uno schizzo di Pio Manzù, che per primo concepì l’idea di una lampada che potesse scorrere in verticale dal pavimento al soffitto e viceversa e ruotare di 360°, ma che morì prima di vederla realizzata.
Una volta arrivato nelle mani di Achille Castiglioni, il bozzetto viene re-interpretato dando vita a Parentesi, dove Castiglioni sostituisce l’asta con una corda metallica e riduce al minimo l’utilizzo dei materiali e il numero di componenti (fonte).

La lampada è esposta in molti musei e mostre dedicate al disegno industriale di tutto il mondo, come per esempio il MoMa di New York, mentre in Italia è esposta alla Triennale di Milano, al GAMeC di Bergamo e altre gallerie e musei di rilevanza nazionale.

Sempre parlando di Castiglioni, una menzione d’onore va anche alla celebre lampada “Arco”, che nel 2020 ha vinto un premio Compasso d’Oro per la “Carriera del Prodotto”. Questa lampada, a causa dei numerosi tentativi di imitazione, è stata il primo oggetto di design industriale a cui è stata riconosciuta la tutela del diritto d’autore al pari di un’opera d’arte (fonte).

8. SEDIA SOVRAPPONIBILE K4870 – Kartell -1987 – Alumna Anna Castelli Ferrieri

Ogni azienda ha il suo stile e quello di Kartell è inimitabile – scrive il sito ufficiale dell’ADI -, perché è partito da una tecnologia, quella dello stampaggio di plastiche colorate, continuamente reinterpretata dai migliori progettisti, con forme e funzioni sempre nuove e diversificate.

sedia K4870
Credits: ADI Design Museum

Con la K4870, nel 1987, il Compasso d’Oro premia però anche una protagonista assoluta del design italiano: Anna Castelli Ferrieri (ne abbiamo parlato anche qui), riconosciuta e riconoscibile per un rigore formale straordinario ma mai scevro da una punta di giocoso engagement, anticamera di una poetica della funzione. Qualità che si esprimono nella sedia sovrapponibile 4870, tanto essenziale quanto funzionale e piacevole al tempo stesso. Anna Castelli Ferrieri riceverà un secondo premio nel 1994 con un progetto per Sambonet. Fra i suoi mille meriti, c’è anche quello di essere stata la prima Presidente(ssa) di ADI, dal 1969 al 1971.

UNO SGUARDO AL FUTURO

9. E-LOUNGE – 2020 – Alumnus Antonio Lanzillo & Partners

E-LOUNGE è design innovativo e polifunzionale, un prodotto che, se da una parte assolve alla naturale funzione di una panchina, dall’altra mette a disposizione dei cittadini diversi servizi come la connessione wi-fi, la rastrelliera per lo stazionamento delle biciclette, le prese di corrente per la ricarica di apparecchi elettronici e di dispositivi di mobilità elettrica (e-bike, monopattini ed hoverboard).

Per la giuria del Compasso d’Oro, E-LOUNGE è “una nuova tipologia di prodotto in grado di unire diversi aspetti progettuali: digitale, sharing economy, cultura del vicinato, arredo urbano, connessione. Impresa che si fa interprete dello spirito dei tempi attraverso il design”.

Leggi il commento dell’Alumnus politecnico Antonio Lanzillo sul sito Alumni 

10. HANNES – 2020 – Alumni Lorenzo De Bartolomeis, Gabriele Diamanti, Filippo Poli – Ddpstudio 

HANNES è una mano protesica realizzata da Lorenzo De Bartolomeis, Gabriele Diamanti e Filippo Poli, tre Alumni Designer laureati al Politecnico di Milano, e sviluppata da Istituto Italiano di Tecnologia e Inail.

Per la giuria del Compasso d’Oro “il design si rivela uno strumento indispensabile per aiutare le persone in difficoltà a riappropriarsi del proprio futuro. Tecnologia ed estetica aiutano a superare un disagio psicologico e un deficit fisico”. HANNES si caratterizza per l’estrema somiglianza con un arto umano sia nei movimenti che può eseguire sia nella forma, ed è in grado di restituire oltre il 90% delle funzionalità perdute a chi la usa.

Approfondisci su www.alumni.it la storia di Hannes, la mano robotica
adi design museum home

Milano inaugura il Museo del Compasso d’Oro, con un’anima politecnica

È stato inaugurato a Milano l’ADI Design Museum, nuovo riferimento internazionale del design, allestito dagli architetti e designer Ico Migliore e Mara Servetto, docenti del Politecnico, insieme all’Alumnus Italo Lupi, icona del design Made in Italy.

adi design museum
Credits: Adi Design Museum

Con più di 5000 metri quadri e circa 2000 oggetti in mostra (gli oggetti vincitori del prestigioso Compasso d’Oro dal 1954 a oggi), è il più grande museo in Europa dedicato a questo tema e conferma il ruolo della città di Milano come capitale internazionale del Design.

L’esposizione racconta oltre 60 anni di storia della società e dei costumi in una selezione di oggetti, mobili, accessori, mezzi di trasporto, manifesti, concept pubblicitari o di comunicazione. Un “dietro le quinte” di oggetti come macchine da cucire, auto, lampade, sedie, caffettiere che ormai sono entrati nell’uso comune o lo faranno nel futuro (tra cui anche la Panchina smart firmata dall’Alumnus Antonio Lanzillo e “Hannes”, la mano protesica che restituisce oltre il 90% delle funzionalità perdute, disegnata da Lorenzo De Bartolomeis, Gabriele Diamanti e Filippo Poli, tre Alumni Designer).

La panchina E-lounge disegnata da Antonio Lanzillo, premiata con il Compasso d’Oro 2020.
Hannes, la mano protesica firmata da tre Alumni che ha ricevuto il XXVI Compasso d’Oro
UN MUSEO IN EVOLUZIONE

«Abbiamo definito – spiegano Migliore, Servetto e Lupi, a loro volta vincitori di compassi d’oro – una sequenza ritmata e articolata di scenari di racconto piuttosto che mere strutture espositive, per rendere il museo un “museo narrante”, capace di essere luogo inclusivo di approvvigionamento e arricchimento personale e sociale». L’obiettivo è quello di valorizzare il Made in Italy e il ruolo del premio Compasso d’Oro, nato dall’idea del grande politecnico Gio Ponti, con un’esposizione che ci parla del passato e del presente e che continuerà a evolvere accogliendo i nuovi oggetti premiati, in una sorta di racconto del mondo e della società attraverso il design.

adi design museum
Credits: Adi Design Museum
ADI MUSEUM E “LA CITTÀ DEI 15 MINUTI”

Per gli spazi del Museo è stato recuperato un luogo storico degli anni ’30, ex area industriale tra via Ceresio e via Bramante, nel quartiere di Porta Volta, secondo il progetto curato dagli architetti Giancarlo Perotta (anche lui Alumnus del Politecnico) e Massimo C. Bodini.

Accanto alla mostra permanente, il museo ospita temporanee di approfondimento e iniziative trasversali destinate al grande pubblico, per contribuire alla diffusione e valorizzazione della cultura del design a livello nazionale e internazionale.

Ma, tra i suoi vari primati, c’è anche quello di essere il primo museo italiano a collegarsi all’idea di “città dei 15 minuti”, un’idea di città più sostenibile nei ritmi e nel rapporto con l’ambiente.

Non solo un museo internazionale ma anche, quindi, un museo di quartiere, facilmente raggiungibile, con un ruolo di aggregazione sul territorio: un luogo dove incontrarsi, condividere esperienze, costruendo una comunità di interesse radicata intorno alla cultura e alla sostenibilità come motore per la riqualificazione dei quartieri, la riduzione dell’inquinamento e la creazione di aree socialmente ed economicamente inclusive.

Il MAP è la rivista degli Alumni del Politecnico di Milano. È una mappa per ritrovare, scoprire e conoscere tutto quello che è nato, partito e cresciuto nel nostro Ateneo. Qui sotto trovi un articolo correlato: se ti piace quello che stai vedendo, sostienici. Potrai ritirare la tua copia gratuitamente.