agricultural engineering home

Lauree politecniche d’eccellenza: nasce Agricultural engineering

A partire dal prossimo anno scolastico il polo territoriale di Cremona del Politecnico di Milano ospiterà il nuovo corso di laurea magistrale in Agricultural engineering, organizzato con la collaborazione dell’Università Cattolica del Sacro Cuore.

Il Politecnico di Milano è il primo Ateneo italiano a rispondere con un corso di studi alle nuove esigenze che le aziende e le organizzazioni del settore agricolo hanno evidenziato negli ultimi anni.

Per farlo ha creato un percorso formativo dedicato specificamente al settore agricolo e agroalimentare, finalizzato a formare figure professionali indispensabili per affrontare le sfide future di un settore fondamentale e distintivo per l’Italia e per l’Unione Europea.

agricultural engeering
Credits: www.age.polimi.it
AGRICULTURAL ENGINEERING: GLI OBIETTIVI

Questo progetto si inserisce in un contesto in grande sviluppo: negli ultimi tre anni la crescita media annua dell’Agricoltura 4.0 (la cosiddetta “agricoltura di precisione”, nata grazie all’utilizzo di tecnologie digitali 4.0) in Italia è stata del 104% (Osservatorio Smart Agrifood, 2021), mentre la ricerca di una sempre maggiore sostenibilità, ambito dove l’Unione Europea è leader, sta creando nuove spinte innovative.

“Il nostro obiettivo è formare ingegneri operanti nel settore agro-industriale dotati di una visione sistemistica – ha dichiarato Gianni Ferretti, prorettore del Polo di Cremona –, ossia un approccio allo studio e alla implementazione di soluzioni applicative basato su una visione complessiva dei vari aspetti multidisciplinari delle filiera tecnologici, agronomici, ambientali, sulla capacità di modellare e gestire le interazioni fra i vari componenti, supportati da conoscenze di base del settore”.

agricultural engineering
Credits: www.age.polimi.it

Il corso di laurea in Agricultural engineering è tra i pochi al mondo del suo genere e nasce dalla volontà di dare la giusta attenzione a temi come l’innovazione e la sostenibilità e dall’interazione di centinaia di aziende che negli ultimi anni hanno collaborato nelle ricerche in quest’ambito insieme al Politecnico di Milano.

“Sempre più attori del settore, in tutte le posizioni della filiera, – spiega Filippo Renga, direttore dell’Osservatorio Smart Agrifood della School of Management del Politecnico di Milano – hanno evidenziato la necessità di nuove competenze in grado di affrontare e coniugare le sfide future del settore: innovazione tecnologica, sostenibilità e collaborazione”

Credits home:  www.age.polimi.it

Il MAP è la rivista degli Alumni del Politecnico di Milano. È una mappa per ritrovare, scoprire e conoscere tutto quello che è nato, partito e cresciuto nel nostro Ateneo. Qui sotto trovi un articolo correlato: se ti piace quello che stai vedendo, sostienici. Potrai ritirare la tua copia gratuitamente.